• Dr. Massimiliano Zisa

    Esperto nell'ipnosi e nella psicoterapia ericksoniana riceve a Scandicci e Firenze

    Vuoi saperne di più ?

  • Ipnosi Clinica

    L’ipnosi è una tecnica psicoterapeutica complessa, basata sulla comunicazione che ha lo scopo di interrompere il normale flusso dei pensieri.

    Vuoi saperne di più?

  • Disturbi Sessuali

    Sono molti i problemi sessuali legati all'aspetto psicologico, tra questi troviamo: impotenza, vaginismo, calo del desiderio, e moltissimi altri

    Vuoi saperne di più ?

  • Psicoterapia Breve

    La psicoterapia breve permette di trattare con efficacia e in tempi estremamente ridotti svariati problemi psicologici come: Ansie, fobie, attacchi di panico e molto altro

    Vuoi sapere di più?

  • Terapia del Dolore

    Gli interventi per la gestione del dolore avvengono attraverso terapie specifiche che hanno lo scopo di gestire al meglio la specifica sede del dolore, con interventi mirati.

    Vuoi saperne di più?

  • Disturbi dell'Infanzia

    L’infanzia e l’adolescenza sono due fasi dello sviluppo in cui un bambino ed un ragazzo si trova ad affrontare dei cambiamenti che avvengono sul piano fisico, cognitivo (del pensiero), affettivo e comportamentale. In alcuni casi tali difficoltà possono causare disagi marcati e compromettere il normale funzionamento del ragazzo e/o del bambino.

    Vuoi saperne di più ?

  • Disturbi della Pelle

    Molti disturbi psicologici si manifestano con sintomi che coinvolgono la cute come psoriasi, dermatite, alopecia. forti tensioni psicologiche producono effetti così evidenti al nostro corpo originando i vari tipi di disordini della pelle fino a vere e proprie manifestazioni e sintomi psicosomatici

    Vuoi saperne di più ?

  • Cerchi uno Psicologo/Psicoterapeuta ?

    Hai bisogno di aiuto e cerchi uno psicologo o uno psicoterapeuta referenziato ? Il portale Psicolife.com ti offre i suoi collaboratori.

    Vuoi saperne di più ?

  1. Riportiamo qui degli esercizi sono davvero utili, semplici e sicuri e si possono fare anche da soli, magari con un poco di attenzione e in un momento della giornata nel quale ci si sente più pronti per dedicarsi alla cura di se stessi.
  2. L’unica raccomandazione da ribadire è quella di non esagerare mai con i tempi d’esercizio.

Terapia di rilassamento
È più utile se si conferma che i sintomi sono scatenati in modo prevedibile dallo stress. L'obiettivo è ridurre l'ansia, incoraggiare comportamenti utili nell'attenuare i sintomi, rinforzare la capacità di autocontrollo e la tolleranza al dolore. Le varie tecniche di rilassamento possono essere somministrate al paziente da medici, infermieri, psicologi e altro personale qualificato.

Tecniche di rilassamento
Riducono il tono simpatico e inducono il rilassamento muscolare. Per esempio, il paziente rimuove ogni distrazione e si concentra su una immagine, una parola o una frase allo scopo di ottenere una situazione di rilassamento. Ci sono alcuni semplici rimedi che permettono di alleviare, almeno in parte. i fastidi che comporta la sindrome dell’intestino irritabile. Si tratta di manovre sicure che si eseguono con uno sforzo minimo e si possono fare in casa e da soli.

Per affrontare il dolore si può:

  1. respirare profondamente e concentrarsi sul passaggio dell’aria attraverso il naso (serve per ottenere un rilassamento della muscolatura addominale che in genere si contrae aggravando il dolore)
  2. distendersi a pancia in su con le braccia in alto e coprirsi con una coperta di lana
  3. nella posizione supina (distesi sulla schiena) raccogliere le ginocchia fino a portarle al torace, con le braccia lungo i fianchi e la testa appoggiata di lato
  4. cambiare le posizioni sedentarie, alzandosi lentamente e cominciando a camminare sul posto con una certa energia (se il dolore colpisce mentre si è a letto o seduti).

Per tonificare la muscolatura addominale:

  1. distendersi appoggiati sulla schiena con le ginocchia piegate e i piedi poggiati sul pavimento vicini alle natiche. Sollevare i fianchi e contemporaneamente contrarre i muscoli addominali e poi riabbassare i fianchi. Ripetere più volte e smettere appena compare stanchezza oppure distendersi appoggiati sulla schiena con le ginocchia piegate e i piedi poggiati sul pavimento. Intrecciare le mani dietro la testa che resterà così appoggiata alle mani. Portarsi lentamente in posizione seduta, senza sforzare il collo e sollevarsi di circa 8-10 centimetri finché le scapole non si saranno alzate dal pavimento. Mantenere possibilmente questa posizione per almeno 5 secondi. Ripetere qualche volta senza eccedere e tra un esercizio e il successivo, respirare profondamente.

Per ulteriori informazioni sull'argomento visitate il sito sull': Intestino irritabile

Questo sito utilizza i soli cookies necessari alla navigazione e cookies di terze parti (Google Analytics) al solo scopo di tracciare in modo ANONIMO la navigazione dell'utente a fini statistici. Per la navigazione sul FORUM di Psicolife fare riferimento alle regole di utilizzo della piattaforma Forumup.it

Continuando la navigazione accettate l'utilizzo di questi cookies in modo implicito.