• Dr. Massimiliano Zisa

    Esperto nell'ipnosi e nella psicoterapia ericksoniana riceve a Scandicci e Firenze

    Vuoi saperne di più ?

  • Ipnosi Clinica

    L’ipnosi è una tecnica psicoterapeutica complessa, basata sulla comunicazione che ha lo scopo di interrompere il normale flusso dei pensieri.

    Vuoi saperne di più?

  • Disturbi Sessuali

    Sono molti i problemi sessuali legati all'aspetto psicologico, tra questi troviamo: impotenza, vaginismo, calo del desiderio, e moltissimi altri

    Vuoi saperne di più ?

  • Psicoterapia Breve

    La psicoterapia breve permette di trattare con efficacia e in tempi estremamente ridotti svariati problemi psicologici come: Ansie, fobie, attacchi di panico e molto altro

    Vuoi sapere di più?

  • Terapia del Dolore

    Gli interventi per la gestione del dolore avvengono attraverso terapie specifiche che hanno lo scopo di gestire al meglio la specifica sede del dolore, con interventi mirati.

    Vuoi saperne di più?

  • Disturbi dell'Infanzia

    L’infanzia e l’adolescenza sono due fasi dello sviluppo in cui un bambino ed un ragazzo si trova ad affrontare dei cambiamenti che avvengono sul piano fisico, cognitivo (del pensiero), affettivo e comportamentale. In alcuni casi tali difficoltà possono causare disagi marcati e compromettere il normale funzionamento del ragazzo e/o del bambino.

    Vuoi saperne di più ?

  • Disturbi della Pelle

    Molti disturbi psicologici si manifestano con sintomi che coinvolgono la cute come psoriasi, dermatite, alopecia. forti tensioni psicologiche producono effetti così evidenti al nostro corpo originando i vari tipi di disordini della pelle fino a vere e proprie manifestazioni e sintomi psicosomatici

    Vuoi saperne di più ?

  • Cerchi uno Psicologo/Psicoterapeuta ?

    Hai bisogno di aiuto e cerchi uno psicologo o uno psicoterapeuta referenziato ? Il portale Psicolife.com ti offre i suoi collaboratori.

    Vuoi saperne di più ?

Una volta che il cliente ha scelto il tipo di terapia e di psicoterapeuta più conforme alle sue aspettative, o confidando nell'invio di un altro professionista, si giunge all'inevitabile momento del primo contatto costituito di buona norma da una chiamata telefonica.

Tutti gli psicoterapeuti, nessuno escluso (tranne per gravi patologie che ne impediscano l'adempimento) richiedono che sia il soggetto che si vuole sottoporre a psicoterapia a contattare direttamente il terapeuta per fissare l'appuntamento. Laddove siano i genitorei ,amici, partner o medici di famiglia a spingere e prefissare il primo colloquio si deve chiarire che così facendo tutti questi vanno ad inficiaie sulla buona partenza di un efficacie percorso psicoterapeutico.

Il modo migliore per partire con una consulenza psicologica è che sia il cliente a contattare, decidere e fissare l'inizio della propria terapia, tuttavia quando la terapia è sollecitata da partner, familiari, amici, ecc, il terapeuta può fornire un adeguato sostegno a tali figure per aiutarli a proporre e motivare il cliente finale a provvedere in modo auonomo e privo da condizionamento a contattare il terapeuta.

Il rischio di fissare appuntamenti alle spalle del cliente, da parte di partner, familiari e amici, per quanto motivati da buoni propositi tende immancabilmente ad essere vissuto dall'eventuale paziente in maniera intrusiva.

Si sconsiglia quindi dall'adottare le "innocue bugie" (come addurre che ci si reca dal "tale" dottore per altri motivi non inerenti al paziente) o la strumentalizzazione delle relazioni (quali, "o vai in terapia o non rimarrò la tua ragazza"); tali strategie sebbe possano nascondere un genuino desiderio di intervenire e di fornire aiuto al cliente sono fortemente sconsigliate a tal punto da poter inficiare in modo, spesso irreversibile, le basi della relazione che si va tentando di costruire e in alcuni casi, tuttaltro che sporadici, addirittura produrre nel paziente l'idea erronea che tutti gli psicoterapeuti tendino ad "ingannare " ed agire in "malafede", facendo il tornaconto di altri che non sia il cliente stesso.

Con l'avvento dei nuovi mezzi di comunicazione le modalità di contattare i terapeuti si è estremamente diversificato. Le e-mail possono senza ombra di dubbio costituire un altro metodo adeguato per richiedere un primo colloquio. Molti siti internet presentano degli elenchi di psicologi e psicoterapeuti da loro consigliati o referenziati, così come esistono mezzi di gestione di posta elettronica che permettono la sicurezza e la tutela dei dati personali in conformità delle leggi sulla privacy e del codice deontologico.

Può accadere come per il nostro servizio di primo contatto (contatta lo staff ) che un utente o un cliente ponga semplicemente la richiesta di una generica valutazione, o ancora più frequentemente che richieda l'emissione di un relativo consiglio all'interno di Forum d'informazione psicologica. Dopo questo primo contatto è altresì molto frequente che il cliente richieda allo specialista un appuntamento, al quale dopo alcune e-mail di chiarificazione si giunga alla necessità di un appuntamento dal vivo.

Nuovamente è bene che il soggetto telefoni personalmente, prima di fissare un appuntamento presso lo studio dello psicoterapeuta.

L'attuale legislazione e gli obblighi verso l'ordine nazionale vietano la psicoterapia online (anche se sono in molti che con i servizi di sola consulenza on line finiscono per sconfinare in tale pratica).

Il primo colloquio psicologico, definito assessment, può tramutarsi nella prima seduta di un percorso di psicoterapia, laddove le aspettative del cliente e le chiarificazioni del terapeta gettano le basi per poter continuare il lavoro appena iniziato; oppure, concludersi per l'invio verso un altro specialista o per assenza di una motivazione a iniziare il percorso psicoterapeutico.

Anche la metodologica con il quale viene condotto il colloquio differisce da terapeuta a terapeuta ma rimane la certezza che in tutti gli approcci metodologici il primo colloquio è un importante strumento diagnostico, che deve permettere al terapeuta di valutare la richiesta d'aiuto del cliente/paziente, inquadrare nel modo più approfondito possibile problema e le possibilità di risoluzione, comprendere i riferimenti contestuali ambientali, venire a conoscenza dei principali accadimenti avvenuti lungo l'arco della vita del soggetto (in tutti quegli approcci centrati sull'origine del problema, Problem Oriented) o ricercare ed esaminare tutte le strategie e le modificazioni che queste possono apportare al problema e alla vita del cliente a seguito della sua risoluzione (in tutti quegli approcci centrati sulla soluzione del problema, Solution Oriented).

A seguito dei dati rilevati, delle osservazioni ricavate durante il colloquio e la competenza e la preparazione clinica, il terapeuta definisce la diagnosi momentanea e, sulla base della valutazione, sarà in grado di restituire al cliente/paziente una risposta funzionale al problema, sia esso nell'unicità di un colloquio o attraverso l'invio opportuno ad altro professionista, oppure, infine, verso la presa in carico del soggetto, per dar vita ad una psicoterapia
Molto spesso un colloquio psicologico può necessitare o addirittura concludersi con l' invio del paziente presso un professionista particolare (altro psicoterapeuta con formazione diversa, psichiatra, servizio d'accoglienza di comunità terapeutiche, neurologo, ecc.). La prima impressione di un paziente reinviato ad un altro specialista è che il terapeuta stia tantando di passare ad altri il compito di prenderlo in carica e che oltre a questo terribile "scarica barile" vi sia anche un dazio da pagare (la prima seduta) senza alcun reale beneficio secondario che costituisce agli occhi del paziente un inutile spreco di denaro (molto spesso i pazienti riportano frasi come questa: "ma perchè mi ha fatto pagare un colloquio se poi mi ha inviato da un altro e non ha fatto niente per me?"). Putroppo tutto questo si spiega solo se entriamo per un istante nell'ottica dello psicologo che avendo cura di rilevare in prima persona la complessa situazione del cliente e la sua personalità, la qualità e l'entità dei suoi disturbi è costretto a utilizzare tutto il tempo del primo colloquio e condurre un analisi approfondita in modo da elaborare un adeguato programma terapeutico ritagliato su misura del cliente.

Quando lo psicologo non può prendere direttamente in terapia il soggetto (per una serie notevole di motivi), può comunque avere le idee chiare per inviarlo verso il professionista che ritiene adatto, in funzione della cura delle specifiche problematiche presentate
Durante il primo colloquio il cliente ha diritto e dovere di porre domande, chiedere specifiche risposte, essere informato circa i tempi, costi, le modalità di pagamento e durata del percorso terapeutico (definito contratto terapeutico), ed altrettanto utile e necessario che il cliente presenti tutti i dubbi, domande bizzarre, banali o dubbi etici e personali per le quali si possa provare vergogna. Sarà il terapeuta a gestire opportunamente le domande e dunque i temi che si susseguono durante il primo colloquio. Egli potrà lasciare il soggetto a parlare in libertà oppure lo guiderà con domande mirate, per conoscere aspetti particolari della sintomatologia, evitando il rischio che l'agitazione emotiva e la complessità del resoconto del cliente possa impedir,e in quel solo primo colloquio, la chiara definizione del problema e delle aspettative di risoluzione.

Ricordiamo che l'attività di psicologo e di psicoterapeuta è coperta dal segreto professionale e dal codice deontologico al fine di tutelare e assicurare al cliente la possibilità di sentirsi libero di non inficiare con inutili timori il recupero delle informazioni essenziali per la definizione del quadro diagnostico.

Questo sito utilizza i soli cookies necessari alla navigazione e cookies di terze parti (Google Analytics) al solo scopo di tracciare in modo ANONIMO la navigazione dell'utente a fini statistici. Per la navigazione sul FORUM di Psicolife fare riferimento alle regole di utilizzo della piattaforma Forumup.it

Continuando la navigazione accettate l'utilizzo di questi cookies in modo implicito.