• Dr. Massimiliano Zisa

    Esperto nell'ipnosi e nella psicoterapia ericksoniana riceve a Scandicci e Firenze

    Vuoi saperne di più ?

  • Ipnosi Clinica

    L’ipnosi è una tecnica psicoterapeutica complessa, basata sulla comunicazione che ha lo scopo di interrompere il normale flusso dei pensieri.

    Vuoi saperne di più?

  • Disturbi Sessuali

    Sono molti i problemi sessuali legati all'aspetto psicologico, tra questi troviamo: impotenza, vaginismo, calo del desiderio, e moltissimi altri

    Vuoi saperne di più ?

  • Psicoterapia Breve

    La psicoterapia breve permette di trattare con efficacia e in tempi estremamente ridotti svariati problemi psicologici come: Ansie, fobie, attacchi di panico e molto altro

    Vuoi sapere di più?

  • Terapia del Dolore

    Gli interventi per la gestione del dolore avvengono attraverso terapie specifiche che hanno lo scopo di gestire al meglio la specifica sede del dolore, con interventi mirati.

    Vuoi saperne di più?

  • Disturbi dell'Infanzia

    L’infanzia e l’adolescenza sono due fasi dello sviluppo in cui un bambino ed un ragazzo si trova ad affrontare dei cambiamenti che avvengono sul piano fisico, cognitivo (del pensiero), affettivo e comportamentale. In alcuni casi tali difficoltà possono causare disagi marcati e compromettere il normale funzionamento del ragazzo e/o del bambino.

    Vuoi saperne di più ?

  • Disturbi della Pelle

    Molti disturbi psicologici si manifestano con sintomi che coinvolgono la cute come psoriasi, dermatite, alopecia. forti tensioni psicologiche producono effetti così evidenti al nostro corpo originando i vari tipi di disordini della pelle fino a vere e proprie manifestazioni e sintomi psicosomatici

    Vuoi saperne di più ?

  • Cerchi uno Psicologo/Psicoterapeuta ?

    Hai bisogno di aiuto e cerchi uno psicologo o uno psicoterapeuta referenziato ? Il portale Psicolife.com ti offre i suoi collaboratori.

    Vuoi saperne di più ?

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

del Dr. Mario Talvacchia

Nella cultura Occidentale il trionfo della “terapeutica” spesso ha fatto si che confondesse la meditazione con la psicoterapia.

Con i, trapianto in  Occidente, la meditazione è stata tolta dal suo più ampio contesto culturale permeato dalle prospettive e dai valori del Buddhismo dov’è parte di un sistema di addestramento totale e di un certo stile di vita.

Tutto ciò, negli ultimi anni, ha aperto discussioni rispetto ai rischi della pratica meditativa se utilizzata su determinate strutture di personalità e soprattutto se sostituita alla psicoterapia.

In molti allievi, di corsi di meditazione, si nota una particolare vulnerabilità del senso di identità e del sé; queste persone sembrano attratte dalle pratiche meditative come scorciatoia per la soluzione dei compiti dello sviluppo del ciclo vitale.

L’insegnamento buddhista secondo il quale non si ha e non si è un “sé”durevole viene spesso frainteso nel senso che non si deve lottare con i compiti di formazione dell’identità o con la scoperta di chi si è, delle proprie capacità, dei propri bisogni, delle proprie responsabilità; la dottrina dell’anatta (assenza del sé) è presa a pretesto per il prematuro abbandono dei compiti psicosociali essenziali.
Con tutta la cautela necessaria in assenza di una formale valutazione clinica il sospetto è quello che la funzionalità di molti di queste persone si trovi, o si avvicini, ad un livello “borderline” dell’organizzazione dell’io.
Il carattere principale di quest’organizzazione di personalità borderline, secondo alcune scuole di pensiero, è la dispersione dell’identità. In queste persone l’integrazione fallisce.
I deficit nella formazione di rappresentazioni complete del Sé e dell’oggetto portano ad una conseguente mancanza di un senso del Sé coesivo e integrato.
L’insegnamento del “non attaccamento”, centrale nel Buddhismo, è ascoltato come una razionalizzazione della incapacità, di questi individui, a formare rapporti stabili, durevoli e soddisfacenti.
Il buddhismo sembra avere due straordinarie attrazioni: la prima è lo stesso ideale “dell’illuminazione” considerato l’acme della perfezione individuale, uno stato purificato di completa e invulnerabile autosufficienza dal quale è stata espulsa ogni cattiveria; perfezione potrebbe anche significare, inconsciamente, libertà dai sintomi in modo da essere superiori agli altri.
La seconda attrazione è la possibilità di stabilire un transfert narcisistico, di tipo rispecchiante o idealizzante, con maestri spirituali che sono percepiti come esseri di particolare valore, potenti e degni di ammirazione.
Da ciò se ne potrebbe dedurre che alcune particolari difficoltà che certi allievi incontrano nella pratica della meditazione vadano cercate nel livello di organizzazione della personalità, ancora meglio nei deficit della formazione di rappresentazioni complete del Sé e dell’oggetto, oltre che nella conseguente mancanza di un senso del Sé coesivo e integrato.

Questo sito utilizza i soli cookies necessari alla navigazione e cookies di terze parti (Google Analytics) al solo scopo di tracciare in modo ANONIMO la navigazione dell'utente a fini statistici. Per la navigazione sul FORUM di Psicolife fare riferimento alle regole di utilizzo della piattaforma Forumup.it

Continuando la navigazione accettate l'utilizzo di questi cookies in modo implicito.